Al Festival di Roma la serie televisiva “The Knick” firmata dal regista premio Oscar® Steven Soderbergh

Al Festival la serie televisiva “The Knick” firmata dal regista premio Oscar® Steven Soderbergh

Il protagonista Clive Owen incontrerà il pubblico dell’Auditorium

 

Il finale di stagione sarà proiettato in contemporanea con gli Stati Uniti e la serie sarà in esclusiva tv in autunno su Sky Atlantic HD

 

“The Knick” di Steven Soderbergh sarà presentata venerdì 17 e sabato 18 ottobre nell’ambito della nona edizione del Festival Internazionale del Film di Roma che si svolgerà dal 16 al 25 ottobre all’Auditorium Parco della Musica, con la direzione artistica di Marco Müller. Il nuovo lavoro del grande cineasta statunitense – premio Oscar® per Traffic, Palma d’Oro a Cannes per Sesso, bugie e videotape, autore di alcuni fra i maggiori successi cinematografici degli ultimi anni (la trilogia di “Ocean”,  Erin Brockovich – Forte come la verità,Magic Mike, Side Effects) – vede protagonista Clive Owen, nei panni del geniale chirurgo John Thackery. L’attore britannico (Golden Globe per Closer, interprete di film come King Arthur, Sin City, Inside Man) incontrerà il pubblico del Festival nell’ambito di una serata-evento in cui sarà proiettata l’intera serie con il finale di stagione in contemporanea con gli Stati Uniti. I dieci episodi – scritti da Jack Amiel e Michael Begler, sceneggiatori di Quando meno te lo aspetti e Qualcosa di straordinario – andranno in onda in esclusiva assoluta su Sky Atlantic HD in autunno.

“The Knick”, attualmente in programmazione sull’emittente via cavo statunitense Cinemax, è ambientata nella New York di inizio ‘900, all’interno dell’ospedale Knickerbocker. Il chirurgo John Thackery – un brillante pioniere di nuovi metodi nel campo della chirurgia che nasconde una dipendenza dalla cocaina – opera a capo di un team di medici e infermieri in un’epoca caratterizzata da elevati tassi di mortalità e assenza di antibiotici.

Accanto a Clive Owen, nel cast figurano tra gli altri Andrè Holland (attore cinematografico, teatrale e televisivo interprete della serie “Amici di letto” e dei film Bride Wars – La mia miglior nemica e 42 – La vera storia di una leggenda americana), Jeremy Bobb (interprete di serie televisive come “Boardwalk Empire”, “House Of Cards”, “Hostages”), Eve Hewson (protagonista di This Must Be the Place accanto a Sean Penn) e Juliet Rylance (attrice principale con Ethan Hawke del fortunato thriller Sinister). Secondo Indiewire, “The Knick è una lectio magistralis sulla fiction storica […], un’opera coinvolgente che ridefinisce le potenzialità estetiche del dramma storico”.

Il Direttore Artistico Marco Müller ha commentato: “Quante volte è successo che la migrazione di forme e contenuti dal cinema (e dalle altre piattaforme) facesse un giro completo? Poche volte, e sempre in tempi molto recenti (cfr. lo splendido “Mildred Pierce” realizzato da Todd Haynes per HBO). Nella seconda età dell’oro della televisione, le serie avevano ripreso dal cinema tanto l’approfondimento dei personaggi che alcuni nuovi modi del montaggio e della fotografia. Questo è servito loro per rinnovare i modelli narrativi seriali, proponendo una “serie serializzata”, con linee narrative verticali che si concludevano alla fine del singolo episodio, e linee orizzontali che proseguivano per l’intera stagione (a volte per le serie successive). Assistiamo oggi ad ancora un’altra trasformazione: autori e produttori di cinema sperimentano con le serie televisive. La televisione si rinnova ancora una volta, ri-mediando il cinema nelle miniserie antologiche dirette da un unico regista. I cineasti sono spesso nomi noti che, invece di firmare il solo pilot (e il concetto della serie) hanno finalmente la possibilità di raccontare in un tempo sufficientemente lungo – ma non tanto da far perdere di intensità la narrazione. È questa la nuova maniera audiovisiva di riproporre un romanzo. Se i film al cinema continuano a essere novelle, oppure fumetti a puntate, la televisione di qualità può permettersi di essere oggi istigatore e produttore di cinenarratività fuori formato, che possono a volte essere lunghe e pregnanti come un romanzo. Non ci può essere alcun dubbio, dunque, che il grande cineromanzo contemporaneo venga dalla televisione. E che il cineromanzo contemporaneo più importante dell’anno si chiami “The Knick”, diretto da Steven Soderbergh per Cinemax di HBO”.

Advertisements

Tags: , , , , , , , , ,

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: