Archive | November 2014

Un abbonamento per tutti: sconto 50%

UN ABBONAMENTO PER TUTTICON LA PROMOZIONE CTS COSTA SOLO LA METà!

Hai dai 14 ai 35 anni? Non perdere un’occasione spettacolare!
Crea la Stagione Teatrale dei tuoi sogni con Un Abbonamento per Tutti, l’unico abbonamento trasversale che ti consente di scegliere 10 spettacoli fra le tante proposte di prosa, musica e danza inserite nei cartelloni dei 48 teatri aderenti di Roma e del Lazio*.
Richiedi gratuitamente la Carta Giovani o la Tessera CTS Experience e acquista Un Abbonamento per Tutti a soli 49,50€ …scoprirai così le meravigliose realtà di spettacolo in scena nei tanti spazi teatrali che rendono straordinaria l’offerta culturale della nostra Regione. 

Advertisements

Tre Terrieri – Teatro Trastevere

Tre terrieri

La fattoria politica

diretto e interpretato da

Fulvio Maura, Angelo Sateriale e Roberto di Marco

Teatro Trastevere

dal 25 al 30 novembre 2014

via Jacopa de’ Settesoli 3  – Roma

Dopo aver vinto il premio Autori nel cassetto e attori sul comò 2013 al Teatro Lo Spazio con il corto teatrale Tre Terrieri – La fattoria politica e dopo il successo di pubblico al  Roma Fringe Festival nel 2014 dove hanno ricevuto una nomination come “Migliore Drammaturgia”,  Roberto Di Marco, Fulvio Maura e Angelo Sateriale ritornano in scena con l’omonimo spettacolo dal 25 al 30 novembre 2014 alTeatro Trastevere.

La suggestione che plasma e attraversa l’intera piece è ispirata alla stessa suggestione che utilizza George Orwell ne “La Fattoria degli animali”. Il testo, facendo propria l’orwelliana metafora della fattoria come microcosmo che rappresenta il macrocosmo della società, vuole trasporre in scena l’attuale situazione politica italiana, disperata, grottesca e surreale proprio come lo spettacolo. La storia si muove intorno alle gesta di tre fratelli che, avendo vissuto vite parallele attraverso esperienze diverse, si  ritrovano, dopo la morte dei genitori, a gestire per la prima volta insieme la fattoria di famiglia. Da qui litigi, fraintendimenti, trame oscure, risate e prese in giro si alternano in un testo serrato e pungente.

Lo spettacolo, inserito anche nell’ “Abbonamento per tutti” (http://abbonamentopertutti.com/teatro-trastevere-tre-terrieri-la-fattoria-politica/), viene raccontato  attraverso un dialetto inventato, nuovo, unico, ispirato alle sonorità del meridione che, nella bocca del più colto dei tre fratelli, si fonde insieme ad un latino maccheronico e divertente. Un dialetto che, se pur distante da quello parlato dal popolo, permette al pubblico di coglierne l’essenza. Esattamente come fa la politica oggi: solo apparentemente distante dall’uomo della strada, ma in realtà intimamente vicina ai valori di tanti, troppi italiani.

TRE TERRIERI La fattoria Politica
uno sguardo diverso e allegorico sulla stretta attualità!

WEBSERIE  http://www.youtube.com/user/TreTerrieri
FACEBOOK  https://www.facebook.com/TreTerrieri
TWITTER  https://twitter.com/treterrieri

TRE TERRIERI – la fattoria politica
diretto e interpretato da Fulvio Maura, Angelo Sateriale e Roberto di Marco
Foto di scena: Federica Di Benedetto e Centro Sperimentale di Fotografia Adams
Foto di locandina: Umberto Cesaro
Musiche originali: Stefano Maura

TEATRO TRASTEVERE
via Jacopa de’ Settesoli 3- Roma
dal 25 al 30 novembre 2014
h 21.00 – domenica ore 18.00
Biglietti: intero 13.00; ridotto 10.00
Per info 328.35 46. 847 – 06.58.14.004

Singolari Coincidenze

SINGOLARI COINCIDENZE

dal 20 al 30 novembre 2014

Testo e regia di
Bruno De Stephanis

Con
Cristina Galardini
Anna Tognetti
Laura Monaco

Una stazione ferroviaria può davvero decidere il nostro destino, soprattutto se si tratta di quella centrale di Ostia, sabato primo pomeriggio.

E’ ciò che scoprono le tre protagonisti femminili di questa commedia dai temi a dir poco attuali. Un’attrice, una volontaria di un centro per persone diversamente abili ed una sognatrice. Tre donne con diverse realtà, che si ritrovano a raccontare i loro sogni, le loro speranze, all’interno di una sala d’attesa della stazione centrale di Ostia complice il solito ritardo del treno. Un treno, lo stesso treno per tutte e tre le donne, diretto a Roma, dove ognuna di loro ha un appuntamento con l’amore. Per Yvonne, l’attrice, c’è un capogruppo di Cinecittà ad aspettarla per una cena che può dare una svolta alla sua carriera artistica. Per Franchina, la volontaria, c’è il compleanno di Ivano, uno dei ragazzi che tiene in cura, di cui è segretamente innamorata. Per Miriam, la ragazza sognatrice, il concerto del fratello in uno dei bassi fondi dei quartieri di Ostia. Un ritardo che oltre a sconvolgere i diversi appuntamenti coinvolge le tre in una divertente discussione e analisi delle loro stesse vite mostrandone di ognuna i lati chiaro scuri.
Note

Avevamo in testa le parole di un uomo straordinario che rispondeva al nome di Vinicius De Morales, poeta, politico, filosofo, diplomatico, e pensavamo come la vita sia un sia una successione quasi infinita di incontri. Incontri con le persone, i luoghi, le cose, ma anche i pensieri, le emozioni e le parole. E l’importanza della memoria, un filo rosso che lega tutti questi incontri. Un filo tanto indispensabile quanto fragile e delicato, perché ogni volta che si spezza, è come se dalla foto della nostra esistenza si cancellasse un piccola parte, destinata a non tornare. E la cosa che può far veramente male e che non ci si riesce mai a spiegare, ed è probabilmente questa l’ irragionevolezza della vita, è sapere che viene un momento nel quale probabilmente non riusciamo neanche a ricordare. Ed anche e soprattutto per questo, ogni tanto nasce l’esigenza di riannodare certi fili, risalendo la corrente dei ricordi, pensando che in fondo il primo incontro è proprio quello che si fa con se stessi. Il primo e, forse, anche il più lungo di tutti e certamente uno dei più difficili, visto che non è mai chiaro se abbiamo mai imparato a conoscerci. Sono le singolari coincidenze da cui tutto nasce e dai cui si sviluppa la trama di una vita, come nel caso di questa commedia.

L ’evento ruota intorno ad una rappresentazione teatrale in un unico atto (della durata di 50/60 minuti circa) intitolata Singolari coincidenze per la regia di Bruno De Stephanis. Lo spettacolo teatrale già rappresentato in occasione di prestigiose manifestazioni culturali e teatrali (vedi rassegna stampa) con un eccellente riscontro di pubblico e critica.

dal 20 al 30 novembre 2014
dal giovedì al sabato ore 21,00 domenica ore 17,30

LA MIA MASSA MUSCOLARE MAGRA

in scena dal 26 novembre al 1 dicembre al Teatro Libero(Via Savona 10), lo spettacolo

LA MIA MASSA MUSCOLARE MAGRA
di Tobia Rossi
regia di Manuel Renga | con Daniele Pitari
assistente alla regia e video editing Andrea Finizio
scene e luci Aurelio Colombo
produzione Compagnia Chronos³ – Milano
Spettacolo nato in occasione della residenza della compagnia Chronos³ presso gli spazi di Residenza Idra a Brescia, nel gennaio 2014.
Selezionato nella sezione della Giovane Drammaturgia Italiana al Festival Tramedautore 2014 a cura di Outis, in collaborazione con il Piccolo Teatro di Milano.
Di chi/cosa parla?
Al centro della commedia è la vita di Dario, aspirante attore trentenne, che galleggia in una routine di sesso occasionale con ragazzi sempre diversi procacciati tramite Grindr, la app celeberrima nella comunità gay.
Durante una forsennata nottata in discoteca, conosce Luca, un enigmatico stilista, per il quale perde totalmente la testa: la scoperta dell’amore e l’affondo in un sé più autentico costringono Dario a guardare dentro la più profonda delle sue ferite scatenando una guerra tra mondo virtuale e mondo reale, tra paure e coraggio, tra nevrosi e vita autentica.  Un monologo scandito in quadri. 10 minuti: il tempo consentito per ogni intervento ai partecipanti al gruppo di auto aiuto per web-dipendenti che Dario frequenta.
Che cosa è?
Una riflessione su quello che succede al corpo (a quello maschile nello specifico) nell’era della non-continuità, nella società puntiforme e spersonalizzata del virtuale, degli iphone e dei social network. La discesa nel profondo di una creatura, probabilmente ferita, che cerca nei mondi virtuali e nel sesso occasionale un qualcosa per colmare il suo vuoto esistenziale, il tutto in una dimensione di leggerezza e nei toni della commedia grottesca e surreale.

Robert De Niro A Roma

Il Premio Oscar® Robert De Niro incontra il pubblico in occasione dell’anteprima del documentario Remembering the Artist Robert De Niro, Sr. di Perri Peltz e Geeta Gandbhir

 

Lunedì 17 novembre ore 17 e ore 19

Auditorium del MAXXI (Via Guido Reni 4a, Roma)

 

Lunedì 17 novembre, la Fondazione Cinema per Roma e il MAXXI – Museo nazionale delle arti del XXI secolo organizzeranno, in collaborazione con Mazda e su gentile concessione di HBO e Sky Arte HD, l’anteprima del documentarioRemembering the Artist Robert De Niro, Sr. di Perri Peltz e Geeta Gandbhir, dedicato alla vita e all’opera di Robert De Niro Senior, pittore, poeta e scultore statunitense di origine italiana, padre del grande attore Robert De Niro. Dopo la proiezione, che si terrà alle ore 17 presso l’Auditorium del MAXXI, lo straordinario interprete di Taxi Driver, Il cacciatore, C’era una volta in America, premio Oscar® per Toro scatenato e Il Padrino – Parte II, incontrerà il pubblico per un dibattito moderato da Mario Sesti. I due introdurranno anche la seconda proiezione del documentario, in programma alle ore 19 nella stessa sala, assieme al Presidente della Fondazione MAXXI, Giovanna Melandri.

Si potrà accedere alle proiezioni attraverso un coupon gratuito valido per una persona che potrà essere ritirato sabato 15 e domenica 16 (dalle ore 12 alle ore 19) presso il desk infopoint del MAXXI, fino ad esaurimento dei posti disponibili. Ogni persona potrà ritirare al massimo due coupon a scelta tra una delle due proiezioni disponibili.

Il documentario Remembering the Artist Robert De Niro, Sr. – presentato lo scorso gennaio al Sundance Film Festival, in prima tv e in esclusiva su Sky Arte HD domenica 28 dicembre alle ore 21.10 – porta sul grande schermo il commovente ritratto di Robert De Niro Senior, uno dei più apprezzati pittori figurativi newyorkesi del secondo dopoguerra, la cui opera, dopo gli straordinari successi dei primi anni, viene messa in ombra dall’avvento di nuovi movimenti come l’Espressionismo astratto americano, la Pop-Art e il Minimalismo. Attraverso lettere e diari personali, inedite immagini famigliari, interviste con l’artista, amici ed esperti del mondo dell’arte, il film narra l’ascesa e il successivo declino, le speranze e le frustrazioni dell’artista, dall’infanzia a Syracuse (NY), al fianco di un padre molto esigente, al breve matrimonio con Virginia Admiral, dalla nascita del figlio Robert all’omosessualità non confessata. Robert De Niro Senior viene raccontato con affetto attraverso le parole e il ricordo di chi l’ha conosciuto meglio, il figlio Robert, che si è sempre adoperato nel corso degli anni per onorare l’opera e la memoria del padre. Il film è diretto da Perri Peltz, documentarista e giornalista, regista del noto documentario HBO The Education of Dee Dee Ricks, e Geeta Gandbhir, montatrice premiata con due Emmy Awards per il suo lavoro nei documentari HBO When the Levees Broke: A Requiem in Four Actsdi Spike Lee e By the People: The Election of Barack Obama di Amy Rice e Alicia Sams, prodotto da Edward Norton.

 

Sinossi

REMEMBERING THE ARTIST ROBERT DE NIRO, SR.

di Perri Peltz e Geeta Gandbhir, Stati Uniti, 2014, 40’

Robert De Niro Senior, artista appartenente alla celebre “Scuola di New York”, raggiunge il successo all’inizio della sua carriera, fra gli anni Quaranta e Cinquanta del Novecento. I suoi dipinti – che fondono in modo originale astrattismo ed espressionismo con la rappresentazione figurativa del soggetto, colmando così il divario fra Modernismo europeo ed Espressionismo astratto – vengono esposti nel 1945 presso la Galleria “Art of This Century” di Peggy Guggenheim, assieme alle opere di Jackson Pollock e Mark Rothko, e recensiti all’interno delle maggiori pubblicazioni d’arte dell’epoca. Il successo tuttavia è di breve durata: fra la fine degli anni ’50 e l’inizio del decennio successivo, il suo lavoro viene messo in ombra prima dall’Espressionismo astratto, poi dallo sviluppo del movimento della Pop Art e del Minimalismo. Al fine di rilanciare la sua carriera, De Niro Senior decide di lasciare New York e trasferirsi a Parigi per immergersi nell’arte dei maestri: tuttavia, il mercato artistico della Francia post-bellica offre ben poche opportunità all’artista. De Niro Senior ritorna negli Stati Uniti e continua a dipingere in una condizione di relativo anonimato: come il film rivela, l’artista troverà conforto raccontando, attraverso le pagine dei suoi diari e nei versi delle sue poesie, le speranze e i sogni che lo animano, nell’auspicio che un giorno la sua opera possa essere riscoperta e ottenga, anche dopo la morte, quel plauso di critica che in vita non è mai arrivato. I suoi desideri si sono poi avverati grazie al figlio, l’attore Robert De Niro.

PERRI PELTZ

Perri Peltz è una regista di documentari. Inizia la sua carriera come giornalista televisiva, occupandosi soprattutto di questioni relative alla salute pubblica. Ha diretto per la HBO The Education of Dee Dee Ricks, documentario che mette in luce le disparità sociali all’interno del sistema sanitario nazionale attraverso l’improbabile amicizia tra due donne diverse che combattono la stessa battaglia per sconfiggere il cancro al seno. Prima di dirigere e produrre documentari, Perri Peltz ha dedicato gran parte della sua vita al giornalismo: nel 1987 è entrata far parte della WNBC, ha poi collaborato per Dateline NBC e MSNBC, e dal 1999 al 2000 è stata corrispondente per ABC’s 20/20. Ha inoltre lavorato come reporter per la CNN. Tra i suoi interessi c’è anche la promozione cinematografica: dopo aver raccontato per la Cnn la storia di una squadra di giocatori di scacchi di una scuola pubblica nel South Bronx (divenuta poi campione nazionale), ne ha prodotto il filmI Cavalieri del South Bronx, interpretato da Ted Danson. La regista non ha mai abbandonato la sua passione per la salute pubblica e la medicina. Infatti dal 2010 è ospite di “Dr. Radio Report”, un programma settimanale su questioni di salute pubblica.

 

GEETA GANDBHIR 

Con una carriera di oltre vent’anni fra cinema, televisione e animazione, la regista, montatrice e produttrice Geeta Gandbhir ha vinto due Emmy Awards per il montaggio dei documentari HBO When the Levees Broke: A Requiem in Four Acts di Spike Lee e By the People: The Election of Barack Obama di Amy Rice e Alicia Sams, prodotto da Edward Norton. Inoltre, i film per i quali ha curato il montaggio hanno vinto un Oscar® (Music By Prudence di Roger Ross Williams) e si sono aggiudicati una nomination allo stesso premio (God is the Bigger Elvis di Rebecca Cammisa). Nel 2014 collabora con il premio Oscar® Alex Gibney, montando il documentario musicale Mr. Dynamite: The Rise of James Brown. Altri lavori di rilievo includono il film “in soggettiva” sulla riforma del welfare Take it From Me, diretto da Emily Abt; la serie per PBS African American Lives with Henry Lewis GatesWhat’s Going On: The Life Of Marvin Gaye per PBS American Masters. Recentemente, ha completato un lungometraggio documentario intitolato Budrus del collettivo “Just Vision Films”, il team di registi e produttori del pluripremiato Control Room, Orso d’Argento alla Berlinale 2010 e Menzione Speciale della Giuria come Miglior Documentario Internazionale al Tribeca Film Festival. Gandbhir ha inoltre collaborato ad una serie di produzioni HBO, incluso il sequel di When the Levees Broke di Spike Lee,If God Is Willing And Da Creek Don’t Rise che le è valso un’altra nomination agli Emmy, e The Education of Dee Dee Ricks, co-diretto con Perri Peltz e presentato al Tribeca Film Festival nel 2011; American Promise di Joe Brewster e Michele Stephenson, premiato con il Premio della Giuria al Sundance Film Festival nel 2013.

Robert De Niro to meet the audience

FONDAZIONE CINEMA PER ROMA

MAXXI – MUSEO NAZIONALE DELLE ARTI DEL XXI SECOLO

In collaboration with Mazda

 

Academy-award winner Robert De Niro to meet the audience for the Italian preview of the documentaryRemembering the Artist Robert De Niro, Sr. by Perri Peltz and Geeta Gandbhir

 

Monday 17 November at 5:00 pm and 7:00 pm

MAXXI Auditorium (Via Guido Reni 4a, Rome)

 

Monday November 17th, the Fondazione Cinema per Roma and the MAXXI – National Museum of XXI Century Arts will organize, in collaboration with Mazda and with the kind concession of HBO and Italian Sky Arte HD channel, a preview screening of the documentary Remembering the Artist Robert De Niro, Sr. by Perri Peltz and Geeta Gandbhir, dedicated to the life and work of Robert De Niro Senior, American painter, poet, and sculptor of Italian origin, and father of the great actor Robert De Niro. After the preview, to be held at 5:00 pm in the Auditorium of the MAXXI, the extraordinary protagonist of Taxi Driver, The Deer Hunter, Once Upon a Time in America, winner of the Academy Award® for Raging Bull and The Godfather – Part II, will meet the audience during a conversation moderated by Italian film critic, and Rome Film Festival senior programmer Mario Sesti.

De Niro and Sesti will also introduce the second screening of the documentary, scheduled for 7:00 pm in the same venue, with the President of the Fondazione MAXXI, Giovanna Melandri. Admission to the screenings is granted with a free coupon valid for one person, which will be available Saturday November 15th and Sunday November 16th (from 12 noon to 7:00 pm) at the infopoint desk of the MAXXI, until all available seats are filled. Each person may collect a maximum of two coupons, choosing one of the screenings.

The documentary Remembering the Artist Robert de Niro, Sr.– presented last January at the Sundance Film Festival, and to be aired as the exclusive television premiere on the Italian Sky Arte HD channel on Sunday, December 28th at 9:10 pm, brings to the screen a moving portrait of Robert De Niro Senior, one of the most esteemed figurative painters in New York after World War II, whose work, following the remarkable success of his early years, was overshadowed by the advent of new artistic movements such as American Abstract Expressionism, Pop-Art, and Minimalism. In letters and journals, archival family footage and interviews with the artist, friends, and experts in the field of art, the film narrates the rise and successive decline, the hopes and frustrations of the artist, from his childhood in Syracuse, NY, living with his highly demanding father, to his short-lived marriage to Virginia Admiral, from the birth of his son Robert to his unacknowledged homosexuality. Robert De Niro Senior is affectionately portrayed in the words and memories of the person who knew him best, his son Robert, who has been committed over the years to honour his father’s work and memory. The film is directed by Perri Peltz, documentary filmmaker and journalist, director of the famous HBO documentary The Education of Dee Dee Ricks, and Geeta Gandbhir, Emmy-Award winning film editor for her work in the HBO documentary When the Levees Broke: A Requiem in Four Acts by Spike Lee and By the People: The Election of Barack Obama by Amy Rice and Alicia Sams, produced by Edward Norton.

Synopsis

REMEMBERING THE ARTIST ROBERT DE NIRO, SR.

by Perri Peltz and Geeta Gandbhir, United States, 2014, 40’

Robert De Niro, Sr. was part of the celebrated “New York School” of artists who enjoyed success in his early career during the 1940’s and 50’s in New York City. His paintings blended abstract and expressionist styles with a representational subject matter, bridging the divide between European Modernism and Abstract Expressionism. In 1945  his work was exhibited at Peggy Guggenheim’s “Art of this Century” Gallery, beside the works of Jackson Pollock and Mark Rothko, and reviewed by the major art magazines of the time. But his success was short lived as his work was overshadowed first by the Abstract Expressionism and later by the emergence of Pop Art and Minimalism. As the art world embraced these new movements in the late 1950s and early 1960’s, more traditional painters like De Niro were marginalized, thus he decided to embark to Paris to immerse himself in the art of the masters and enliven his own work and career. But the art market of post-war France offered little opportunity for DeNiro. He returned to the United States and continued to paint in relative obscurity. He found solace writing about his hopes and dreams in his journals and poems, hoping that one-day his work would be re-discovered and afforded the critical acclaim that had eluded him throughout his career, even if after his death. His dreams were realized, orchestrated by the man who knew him best — his son, the actor, Robert De Niro.

PERRI PELTZ

Perri Peltz is a documentary filmmaker and public health advocate who began her career as a television news journalist. She directed the acclaimed HBO documentary The Education of Dee Dee Ricks, a documentary which explores the disparities in the United States health care system as seen through the lens of an unlikely friendship between two women battling breast cancer. Prior to directing and producing documentaries, Perri spent much of her career as atelevision news journalist: she joined WNBC in 1987 serving as a reporter, then as a co-anchor, then went on to serve as a contributor for NBC’s Dateline and lateras one of the first anchors at MSNBC; from 1999-2000 she was a news correspondent for ABC’s 20/20. She also worked at CNN as a reporter. Her interests also include film promotion: after reporting the story for CNN about a chess team from a public school in the South Bronx (that went on to become national chess champions), she produced the feature film The Knights of the South Bronx, starring Ted Danson, based on their accomplishment. Both in and outside journalism, Perri has pursued her passion for public health and medicine. Since 2010, Perri has been the host of Dr. Radio Reports, a one-hour weekly program about public health issue.

 

GEETA GANDBHIR

With over twenty years of experience in the fields of film, television and animation, director, film editor, and producer Geeta Gandbhir has won two Emmy Awards for film editing for the HBO documentaries When the Levees Broke: A Requiem in Four Acts by Spike Lee and By the People: The Election of Barack Obama by Amy Rice and Alicia Sams, produced by Edward Norton. In addition, the films she edited have won an Oscar® (Music By Prudence by Roger Ross Williams), and an Oscar® nomination (God is the Bigger Elvis by Rebecca Camisa). In 2014, she collaborated with Oscar® award-winner Alex Gibney, editing the musical documentary Mr. Dynamite: The Rise of James Brown. Other significant works include the POV film on welfare reform Take it From Me, directed by Emily Abt; the PBS series African American Lives with Henry Lewis Gates; What’s Going On: The Life of Marvin Gaye for PBS American Masters. Recently, she completed a feature-length documentary entitled Budrus by “Just Vision Films”, the team of directors and producers of the award-winning film Control Room, winner of the Silver Bear at the 2010 Berlin Film Festival and of the Special Jury Mention Prize for Best World Documentary at the 2010 Tribeca Film Festival. Gandbhir has also worked on a series of films for HBO, including Spike Lee’s follow-up to When the Levees Broke entitled If God Is Willing and Da Creek Don’t Rise for which she was nominated for an Emmy Award, and The Education of Dee Dee Ricks, with director Perri Peltz which premiered at the 2011 Tribeca Film Festival, as well as American Promiseby Joe Brewster and Michele Stephenson, which won the Jury Prize at Sundance in 2013.