Archive | June 2015

Pappa Reale – Teatro Elettra

Pappa Reale è un testo che si ispira fortemente al mondo delle api. La trama è tratta dal particolare momento della migrazione, ovvero quando la regina madre, con una parte dello sciame, abbandona l’alveare per andare a fondarne uno nuovo e lasciando la responsabilità alla regina giovane. Ne risulta quindi un adattamento e una trasposizione dal mondo naturale al mondo umano. I personaggi assumono precise caratteristiche e ruoli fedeli alla realtà degli insetti ma dando vita a una rappresentazione che si ambienta in una corte regale, favolistica e umana.

La regina madre, anziana e responsabile, avvezza al comando e alle leggi ferree che regolano il suo regno, si trova alle prese con una figlia giovane che non si sente pronta a prenderne il posto. Le operaie, o meglio, l’operaia, freme per partire e trovare un nuovo luogo dove vivere, e che sia sopratutto privo della tirannia dell’Essere, ovvero l’uomo. Il Fuco, vero e proprio damerino e cortigiano, cerca di barcamenarsi in un periodo che sembra di crisi. Tutto appare regolato da Leggi invariabili che assomigliano al Destino e che vanno a scontrarsi con la passione e la libertà. Il momento vissuto tuttavia lascia spazio a idee e speranze che svaniscono subito nel nulla.

E’ volutamente sottolineato l’aspetto di società matriarcale, dove essere madre e donna non è poi così scontato, anzi appare come un dovere. Un dovere verso la vita.Locandina_Pappa Reale

Advertisements

Roma Fringe Festival dal 14 al 20 giugno 2015

Roma Fringe Festival 2015: gli spettacoli in scena dal 14 al 20 giugno nei giardini di Castel Sant’Angelo

Evento gratuito: sabato 20 giugno
Allegro Teatrale – Valerio Aprea legge Francesco Piccolo

Con l’apertura del mercato dei popoli ed etnico e delle aree enogastronomiche, il Roma Fringe Festival entra nel vivo della sua programmazione con una nuova settimana di spettacoli ed eventi.

Tra grandi eventi a ingresso gratuito, dopo Johnny Palomba e le sue #Recinzioni il 13 giugno, al Roma Fringe Festival il 20 giugno arriva un’imperdibile “Allegro Teatrale – Valerio Aprea legge Francesco Piccolo” con l’accompagnamento di Alessandro Chimienti alla chitarra: una serie di racconti intelligenti ed esilaranti scritti dal Premio Strega e sceneggiatore pluripremiato al David di Donatello e narrati con lo stile inconfondibile di uno dei protagonisti di Boris e Smetto quando voglio.

Spettacoli in scena Roma Fringe Festival dal 14 al 20 giugno
seguici su Facebook clicca qui: www.facebook.com/RomaFringe

After Penelope / Palco A – 14 giugno h. 23,30 – 16 giugno h. 22,00 – 18 giugno h. 20,30:Intrecciandosi nel tempo, attraverso  secoli e continenti, le storie vere di sei giovani eroine riemergono dal passato e si rievocano durante l’arco delle loro vite. Dalla rivoluzione Russa, passando per la Germania nazista fino alla Kabul dei giorni d’oggi queste donne ricreano l’immagine di un identità femminile completamente nuova. http://romafringefestival.net/spettacoli-roma-fringe/after-penelope/
All-in / Palco B – 15 giugno h. 20,30 – 16 giugno 23,30 – 18 giugno 22,00: Due personalità a confronto, due estremi che si ritrovano e che si combattono, ribaltando i ruoli in un finale crescente. Una commedia tragicomica ispirata ai tempi moderni, un’istantanea che fotografa con distacco e ferocia uno spaccato drammatico dei nostri giorni. http://romafringefestival.net/spettacoli-roma-fringe/all-in/
Be here / Palco C – 14 giugno h. 23,30 – 16 giugno h. 20,30 – 19 giugno h. 22,00: Essere qui ora, perché? Nessuna risposta. Solo tracce sui muri, testimonianze di esistenze che sfumano. Due donne, un parcheggio deserto. http://romafringefestival.net/spettacoli-roma-fringe/be-here-3/
Canzoni sull’orlo di una crisi di nervi / Palco B – 14 giugno h. 20,30 – 15 giugno h. 22,00 – 17 giugno h. 23,30: Pepa Lopez de Leon, diva decadente, armata di fisarmonica, dà inizio al suo concerto, sfoggiando canzoni autocelebrative. Pian piano, però, il suo delirio interiore si svela e l’atmosfera si tinge di una vena masochista e surreale.
A metà strada tra il caffè chantant e il teatro canzone, uno spettacolo che strizza l’occhio al clown contemporaneo e a certi personaggi almodovariani. La musica, la comicità e l’ironia si fondono per dar vita a uno spettacolo divertente e surreale. http://romafringefestival.net/spettacoli-roma-fringe/canzoni-sullorlo-di-una-crisi-di-nervi/
Eureka. Processo al soldato che uccise un genio / Palco A – 15 giugno h. 20,30 – 16 giugno h. 23,30 – 19 giugno h. 22,00: 212 a.C. – Archimede muore nella sua città per mano di un soldato romano, dopo un assedio protrattosi a lungo, grazie alla difesa messa in atto dal celebre inventore e dalle sue armi micidiali. È su questo fatto storico che si sviluppa uno spettacolo dove Archimede, simbolo e archetipo di quella costante storica che è l’uso del genio a scopi bellici, viene messo a confronto con il soldato suo assassino. http://romafringefestival.net/spettacoli-roma-fringe/eureka-processo-al-soldato-che-uccise-un-genio/
Fäk Fek Fik – Le tre giovani – Werner Schwab / Palco B – 14 giugno h. 22,00 – 15 giugno h. 23,30 – 17 giugno h. 20,30: Una cucina vuota, uno schermo che diventa sempre più grande, desideri d’amore sempre più contorti e incerti, emarginazioni sempre più silenziose, periferie di un mondo globalizzato al centro di un’indagine acuta e ironica, appassionata ma spietata. Un lavoro in cui la drammaturgia non è solo la testualità delle battute delle attrici ma l’insieme complessivo dei segni e delle scelte di ogni singolo momento della performance. http://romafringefestival.net/spettacoli-roma-fringe/fak-fek-fik-le-tre-giovani-werner-schwab-3/
Family day. Dio benedisse il settimo giorno e lo consacrò / Palco A – 16 giugno h. 20,30 – 17 giugno h. 22,00 – 19 giugno h. 23,30: Madre, padre, figlia, nonna e cane sono la nostra ‘family’ per raccontare la domenica, tradizionalmente giornata di messa, pranzo domenicale, contenitori tv. Tradizioni che per gli italiani si aggrappano a precetti cattolici e spot pubblicitari. Una messa in scena ironica, un immaginario sacro e falso, istituzionale e televisivo. http://romafringefestival.net/spettacoli-roma-fringe/family-day-dio-benedisse-lultimo-giorno-e-lo-consacro/
Giuliano Guazzetti che perse la guerra / Palco B – 16 giugno h. 20,30 – 18 giugno h. 23,30 – 19 giugno h. 22,00: Un soldato volontario di fronte a un capitano confessa una notte di orrori, visioni e incontri. Nel centenario del conflitto che incendiò l’Europa, Alberto Severi  riscrive per  Rosario Campisi la Guerra Piccola che nel 1999 venne messa in scena da Ugo Chiti per l’Arca azzurra.http://romafringefestival.net/spettacoli-roma-fringe/giuliano-guazzetti-che-perse-la-guerra/
Indubitabili celesti segnali / Palco B – 14 giugno h. 23,30 – 17 giugno h. 22,00 – 19 giugno h. 20,30:In un tempo e in uno spazio ics che ha del vascio napoletano non la forma ma la condizione esistenziale, prigioniere tra oggetti imprigionati si muovono tre enigmatiche donne, emblemi di una femminilità a un tempo carnale e virginale. http://romafringefestival.net/spettacoli-roma-fringe/indubitabili-celesti-segnali/
La conferenza / Palco C – 14 giugno h. 22,00 – 17 giugno h. 23,30 – 19 giugno h. 20,30: Una vicenda curiosa e a tratti paradossale, che unisce ironia e quotidianità. I tre protagonisti rappresentano figure comiche, ma anche capaci di suscitare non pochi spunti di riflessione. Una provocazione, una storia qualunque, ma emblematica, acuta e grottesca, in grado di far riflettere sul surrealismo della nostra esistenza. http://romafringefestival.net/spettacoli-roma-fringe/la-conferenza/
L’albero storto – una storia di trincea / Palco C – 15 giugno h. 22,00 – 17 giugno h. 20,30 – 18 giugno h. 23,30: Esempio altissimo di Teatro Civile. “L’albero storto” è il nome di una trincea della prima Guerra mondiale. Tonon e Romeo sono impegnati a prendere la trincea dell’albero storto. Tonon e Romeo sono l’anima contadina dell’Italia trasformata in fanteria. È il racconto delle vigliaccherie e delle fragilità della trincea, un luogo di ricordo, di attesa, di spasmo, di battaglia.http://romafringefestival.net/spettacoli-roma-fringe/lalbero-storto-una-storia-di-trincea/
L’uomo dei finali / Palco C – 15 giugno h. 20,30 – 16 giugno h. 23,30 – 18 giugno h. 22,00: Un monologo ironico e allo stesso tempo drammatico che cerca di raccontare una storia difficile da cominciare ma soprattutto da finire. A raccontarcela sarà Frank che ci porterà prima nel suo piccolo mondo familiare e poi nelle pieghe più nascoste dello show business.http://romafringefestival.net/spettacoli-roma-fringe/luomo-dei-finali-3/
Luxuriàs – Lost in lust / Palco C – 16 giugno h. 22,00 – 18 giugno h. 20,30 – 19 giugno h. 23,30: Notte di bufera, una donna, perseguitata da immagini ossessive, va da uno sciamano per capire l’origine delle proprie visioni insonni. Attraverso un viaggio di regressione ipnotica, scopre che la sua anima ha abitato il corpo di Francesca da Rimini. Assume le forme di grandi donne del passato e non: Eleonora Duse, Franca Valeri e la Monnalisa del porno, Moana. http://romafringefestival.net/spettacoli-roma-fringe/luxurias-lost-in-lust/
Nell’oceano del mondo – Episode 2 / Palco C – 14 giugno h. 20,30 – 15 giugno h. 23,30 – 17 giugno h. 22,00: Il mondo viene travolto da internet trascinando con sé le nuove generazioni in un oceano senza confini. Masse di teenagers si accalcano sul battello di un Caronte digitale che “batte coi remi chiunque s’adagia”. Fausto è il protagonista di un viaggio oltreoceano. http://romafringefestival.net/spettacoli-roma-fringe/nelloceano-del-mondo/
Panic / Palco A – 14 giugno h. 22,00 – 17 giugno h. 23,30 – 19 giugno h. 20,30: Viaggio nell’inconscio dai tratti ossessivi. Sguardo ironico e divertito su una realtà eccentrica. Essere sedotti da un mondo psichedelico e surreale, e abbandonati in un paesaggio decadente. Citazione continua di paesaggi difformi, in un pastiche dai tratti surreali, psichedelici, pop, dada, con riferimenti al rito, al mito e all’iconografia. http://romafringefestival.net/spettacoli-roma-fringe/panic/
SaturAzione / Palco A – 15 giugno h. 22,00 – 17 giugno h. 20,30 – 18 giugno h. 23,30: Quattro attori/performer, dismessi i panni delle persone comuni, si fanno installazioni audiovisive e interagiscono tra di loro come cavie da laboratorio in un labirinto invisibile. Si fanno specchio della società dei consumi: saturi, pieni, al limite, incapaci di ricevere ulteriori input senza perdere il controllo.http://romafringefestival.net/spettacoli-roma-fringe/saturazione/
To be or not to be Chaplin / Palco B – 16 giugno h. 22,00 – 18 giugno h. 20,30 – 19 giugno h. 23,30:Essere o non essere? È questo il dilemma. Chaplin lotta contro le sue stesse paure, contro il terrore di invecchiare e morire, contro la sua solitudine; contro la paura di fare la fine di Che Guevara, ormai ridotto a una semplice faccia stampata sulle magliette dei ragazzi durante un corteo.http://romafringefestival.net/spettacoli-roma-fringe/to-be-or-not-to-be-chaplin-2/

FINALISTS PESARO DOC FEST “HAI VISTO MAI?”

FINALISTS PESARO DOC FEST “HAI VISTO MAI?”

Dear friends,
after an accurate examination of the many projects submitted for this 2015 PESARO DOC FEST “HAI VISTO MAI?” competition, the Selection Committee has just selected the 10 finalists who will participate at the festival.

30 MINUTES COMPETITION
In alphabetical order:

1. COME UNA STELLA by BARTOLOMEO PAMPALONI
2. DAILY LYDIA by MARCO ZUIN
3. IN CERCA DI UN AMICO by KARMA GAVA & ALVISE MORATO
4. L’AUTRE PEINE by DJAMILA SFAXI
5. REBEL MENOPAUSE by ADELE TULLI
6. ROSA by CRISTINA FERRAIUOLO

80 MINUTES COMPETITION
In alphabetical order:

1. A BURNING DREAM by MASSIMILIANO DAVOLI
2. I FANTASMI DI SAN BERILLO by EDOARDO MORABITO
3. PLAYING WITH FIRE by PAPATHANASSIOU ANNETA
4. THE HUMAN HORSES by ROSARIO SIMANELLA & MARCO LANDINI

CONGRATULATIONS TO THE FINALISTS!
And many thanks to everyone for sending us your works!

We remind you that the documentary festival will take place in Pesaro (Marche, Italy) on July 3, 4 and 5 2015.

Best,
Pesaro Doc Fest “Hai Visto Mai?” Staff


FINALISTI PESARO DOC FEST “HAI VISTO MAI?” 2015

Cari amici,
dopo un esame accurato dei numerosi progetti presentati per questa edizione di PESARO DOC FEST “HAI VISTO MAI?”, la giuria di preselezione ha scelto i 10 documentari finalisti che parteciperanno al festival.

SEZIONE 30 MINUTI
In ordine alfabetico:

1. COME UNA STELLA di BARTOLOMEO PAMPALONI
2. DAILY LYDIA di MARCO ZUIN
3. IN CERCA DI UN AMICO di KARMA GAVA & ALVISE MORATO
4. L’AUTRE PEINE di DJAMILA SFAXI
5. REBEL MENOPAUSE di ADELE TULLI
6. ROSA di CRISTINA FERRAIUOLO

SEZIONE 80 MINUTI
In ordine alfabetico:

1. A BURNING DREAM di MASSIMILIANO DAVOLI
2. I FANTASMI DI SAN BERILLO di EDOARDO MORABITO
3. PLAYING WITH FIRE di PAPATHANASSIOU ANNETA
4. THE HUMAN HORSES di ROSARIO SIMANELLA & MARCO LANDINI

COMPLIMENTI AI DOCUMENTARISTI SELEZIONATI!
E grazie anche a tutti coloro che hanno scelto di inviarci, nel corso di questi mesi, i loro lavori!

Per tutti l’appuntamento è a Pesaro, il 3, 4 e 5 luglio 2015!

Nido di Picchio

picchio, nido

picchio, nido